.

I social network hanno dato diritto di parola a legioni di imbecilli.

Umberto Eco


Spero di non essere fra i peggiori.

Blu Malva

martedì 1 settembre 2015

La sposa del deserto *



Il tempio di Bel, a Palmira, è l'ultima vittima di pietra; la sua distruzione, l'ultimo scempio da parte dei militanti dell'Isis.
Bel era il signore dei babilonesi, corrispondente allo Zeus dei greci, ed il tempio a lui dedicato era il simbolo di Palmira. Il deserto piange, un lamento sommesso che impregna la sabbia ed ogni pietra, muta testimone isolata. Correnti d'ira e dolore attraversano una terra profanata e violentata oltre ogni limite. Mi chiedo se durante l'agonia anche Khaled al-Asaad abbia avvertito la eco di quelle correnti, lo smottamento d'aria, di sabbia e di tempo; se la sua mente si sia posata sul procedere delle antiche carovane, sull'incedere degli eserciti; se per un momento non abbia avvertito il calore delle pietre delle ziqqurat; guardato un'ultima volta i giardini pensili, come fossero lì, lussureggianti e vicini, o le navi fenice che partivano dai porti del Mediterraneo; se si sia fermato ad ammirare, come spettatore invisibile, la magnificenza dei templi in tutto il loro splendore, ancora bagnati di sangue e sudore. Che cosa resterà di tutto questo, si sarà chiesto, se si vuole distruggere anche il ricordo? Ma poi, tranquillizzato, si sarà detto che il ricordo resta, oltre qualsiasi follia umana. 


* così è soprannominata Palmira per la ricchezza di testimonianze storiche

9 commenti:

  1. A silenzio e a rispetto, passo questa:
    http://tentarenuoce.blogspot.it/2015/05/si-addensano-soldati-bene-armati-sulle.html

    RispondiElimina
  2. riflettevo su questa questione, che era emersa durante lo scempio dell'arte italiana nei bombardamenti Usa della IIGM ... ovvero che l'essere umano è percepito come una sorta di bene 'rinnovabile' mentre i monumenti come qualcosa di unico ed irripetibile, e quindi perduto per sempre ... gli opinionisti dell'epoca ragionarono molto sulla percezione della perdita da parte dell'opinione pubblica ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io semplicemente reputo che se si distruggono testimonianze di civiltá passate, che sia attraverso guerre o azioni di fanatici scellerati, si distrugge un pezzo di noi stessi. Non a caso sono reputati patrimonio dell'umanitá. Come giá disse qualcuno "la storia siamo noi".

      Elimina
  3. Spero che Bel, ovunque esso sia, faccia patire a quei mentecatti le pene più atroci. Perché un dio, anche se è un dio, può vendicarsi come vuole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo spero anch'io. Anche perché i comuni mortali a quanto pare non possono/vogliono fermarli.
      E continua l'orrore.

      Elimina
  4. Mi chiedo solo cosa ne sarà di loro (o di noi) tra venti o trent'anni.
    Mah...

    RispondiElimina
  5. Merdosi barbari fanatici con la testa piena di inquinamento della più rozza e stupida delle religioni.
    Fosse per me li eliminerei dal primo all'ultimo.

    RispondiElimina