.

I social network hanno dato diritto di parola a legioni di imbecilli.

Umberto Eco


Spero di non essere fra i peggiori.

Blu Malva

giovedì 3 settembre 2015

Di tutto e di nulla




All'ombra degli aceri ci si sente più leggeri, si gioca con il sole che quasi ne trasfigura le foglie. La calura perde un poco del suo peso e fluttua a distanza, insieme ai pensieri. Anche la tracotanza dell'estate perde d'intensità e prende forma un nuovo respiro. Percorro i sentieri noti, osservo ogni cosa come fosse la prima volta, mi lascio travolgere dai ricami che i rami rigogliosi imprimono al cielo. Non esiste il tempo, la sequenza, l'ordine: tutto è lì, senza null'altra spiegazione. Nessun pensiero, se non quello di sopravvivere. La pelle protegge, la pelle raccoglie. Assorbe e non restituisce: al limite mostra. E' un diario, una fotografia in continuo divenire.
Deglutisco, trattengo, non posso scrivere ciò che già è stato scritto, in un tempo restato in sospeso tra il passato ed il presente. Passerà. Passerà e si mescolerà alle cellule morte, alla trama di cotone, agli acari, agli aceri, al pulviscolo, alla materia.
E' un gioco di parole,  di ombre e di luci, di vuoti e di pieni. Di tutto e di nulla.



11 commenti:

  1. Questa Lisa deve essere proprio una fanciulla assai elisa!
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elisa come i campi elisi? :-D

      Elimina
    2. Questa Lisa deve essere una fanciulla che ha la dote di saper assaporare la vita.
      Cristiana

      Elimina
    3. Lisa cerca di cogliere ogni dettaglio possibile, anche quello che pare insignificante, perché è convinta che la vera sopravvivenza stia sia proprio in quello.

      Elimina
  2. Ed all'allora, che ti si forma un viso

    RispondiElimina
  3. Mi son scordato di un è, ma fa lo stesso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo di sì, che sia allora. Per il motivo che ho spiegato poc'anzi.

      Elimina
  4. Perdona UnUomoperdipiùappasseggio: perché un'elisa, quand'è ti si racconta

    RispondiElimina
  5. nel nulla spesso nascondiamo le piccole cose emozionanti, che le si veda anche noi con un occhio solo.
    ml

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtá il nulla non esiste. Tutto è qualcosa. Lo definiamo "nulla" per comoditá, credo, quasi come a voler togliere peso, privare di valore.

      Elimina