.

I social network hanno dato diritto di parola a legioni di imbecilli.

Umberto Eco


Spero di non essere fra i peggiori.

Blu Malva

venerdì 14 agosto 2015

Chi sono i veri disadattati?



Conformati, e sei saggio -
Dissenti, e sei pericoloso.
Un matto da legare.

(Emily Dickinson)


"L'hanno un po' soffocato".
E un po' no. È un po' morto. E un po' no. Di completamente, assolutamente, inesorabilmente morto vi è soltanto il buon senso ed il rispetto di chi ha "un po' soffocato" ed un po' fatto morire un uomo.
In fondo, era un povero derelitto che sedeva ogni giorno sulla stessa panchina e che abbisognava ( a detta dello psichiatra, ora indagato) di TSO.

12 commenti:

  1. Con l'altro po' che avanza, un po' mi chiedo: perché nessuno ha detto della ragione per cui egli fosse così massicciamente da internare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma perché quelle sono quisquiglie, ovvio. È poco pratico, troppo impegnativo e alquanto pericoloso ricercare e raccontare la reale storia di una persona, senza incappare nei soliti presdapochismi del cazzo, nei soliti luoghi comuni. Il valore ed il significato reale di un uomo non interessa ai piú. Al limite interessa a me, a te, ad altri "idioti" come noi che anziché restare sordi-ciechi-muti, annuendo a comando, lottano con la bile provocata da questa grande farsa quotidiana.

      Elimina
  2. Mah.
    Questi eventi mi fanno pensare al principio "igienista" tanto caro ai nazisti.
    Un soggetto anomalo (o solo a-normale) diventa minaccia rispetto ad una normalità che non saprei definire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io vedo queste "pulizie" sommarie e molto spesso assurde come una gara a braccio di ferro tra un adulto ed un bambino: totalmente fuori luogo e privo di senso, se non che è l'unico modo per dimostrare di essere forti senza possibilità di essere smentiti. Insomma, non si è in grado di agire in modo consono e corretto, perché non si hanno competenze, valori, professionalitá ed anche cultura necessari, si butta su in un qualche modo. E questo atteggiamento vale ormai in molti altri settori. Con la differenza che quando ci scappa il morto la cosa è un attimino piú grave. Per noi, ovvio. Per loro è solo una scocciatura in piú.

      Elimina
  3. Risposte
    1. Ti devo credere sulla parola, Bill.
      Ma, in fondo, chi non lo è coi tempi che corrono? Con tutta la merda che ci circonda e che vogliono - dopo averla ricoperta di cioccolato - farci mangiare ogni santo giorno?

      Elimina
  4. E poi, aggiugerei, che la burocrazia ospedaliera e non, è talmente tanto miope e intrecciata da correre a perdifiato nella direzione sbagliata. Prendi il famoso luogo comune per cui rischi di più a rubare una mela che ad uccidere un uomo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sí, la burocrazia è un vero cancro le cui metastasi uccidono anche il buon senso, il giusto, il dovuto.

      Elimina
  5. Io sono un disadattato sentimentale. Nel senso che mangio, lavoro, dormo, viaggio.
    Ma c'ho il cuore, su una panchina. Qualcuno dovrà soffocarlo, che a ucciderlo da solo non riesco...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace questo tuo autoritratto, sei riuscito a rendere piuttosto bene l'idea. Io, di me, non dico nulla: mi pare sia piuttosto palese il mio disagio (nonostante le apparenze che enuncerebbero il contrario).

      Elimina
    2. Sono in pieno tormento. Turbolenza di cuore incontrollata. Salto nel buio. Orlo dell'abisso. Interessa l'articolo? Eccita ma torchia e contorce anche.

      Elimina
    3. Diciamo che conosco le caratteristiche dell'articolo, in quanto appartengo alla stessa partita. (" L'ideatore" doveva essere all'apice dell'inquietudine ) :)

      Elimina