.

I social network hanno dato diritto di parola a legioni di imbecilli.

Umberto Eco


Spero di non essere fra i peggiori.

Blu Malva

venerdì 24 luglio 2015

Quarantun'anni per un frammento di verità



Del resto a New Horizons sono occorsi nove anni per raggiungere Plutone.
Al rover Curiosity otto mesi per raggiungere Marte.
Alla Terra trecentosessantacinque  giorni per compiere una rotazione completa intorno al Sole.
E' solo questione di tempi e pazienza. Fra altri quarantun'anni, forse, si avrà il quadro completo, la verità assoluta. 
Forse.







26 commenti:

  1. Come ogni cosa chiamata verità, essa non è assoluta e da sempre la si sa perché essa vuole; la menzogna — io credo — è talmente cogliona da aver bisogno di raccontarsi come fosse vanità

    Saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pare che ci sia bisogno di credere in qualcosa: verità assolute, mezze verità, ... in fondo la sostanza sfugge sempre. Per comodità le attribuiamo tale nome, ma la verità è concetto troppo astratto.
      Ecco, la menzogna è diversa, hai ragione. E' comoda, pratica, facilmente adattabile, ancor più della verità che, comunque, resta almeno idealmente "pura".

      Elimina
    2. Idealmente, sì: pura di comodo; e una pletora colma degli dèi messi a speranza da uomo semi-scaltro — metamorfosi mai — che vigliacco al sol somiglia si rinnega, pompiere gran cannibale da spegni Prometeo ch'è troppo basso

      Elimina
    3. Prometeo ha tentato: l'ardire di certi esseri umani è notevole, seppur vano; di altri, invece, resta solo il patetico, nemmeno il tempo di vedere una fiammella.

      Elimina
    4. Non dir fiammella, ti scongiuro, basta la parola: c'è pieno in giringiro di parrocchia-boyscouts allievi pompieri, lo scaracchio da tubo messo a culo che la pompa

      Elimina
    5. Allora lascio che lo dicano loro:

      https://www.youtube.com/watch?v=I-HGNj-pDKo

      Elimina
    6. Certo m'è il Cecco non avesse affatto bisogno del Fabrizio strimpellante che adesso ha un rovinoso epigone nel Roberto Benigni — anche lui ladro — che incasella da fede raccattata di moglie La Commedia

      Elimina
    7. Uffa.. non la potevi ascoltare senza bofonchiar nulla?

      Elimina
    8. Ruminare accadere indigesti mi assomiglia

      Elimina
    9. Fuorisacco: tu mi sei assente ed io son vantoso

      Elimina
    10. Arrivo, arrivo a colmare l'absentia. Non temer, messer vantoso. Cercavo un altro vasetto al posto di quello della marmellata, non sia mai che lasci - se pur lavato - sentori zuccherosi. Pensavo ai "gurken" con finocchiella, sott'aceto, o alle nostrane olive... che dici?

      Elimina
    11. Il tuo gurken mi riaggalla alla mente Hamburg la magnifica, le tristissime aringhe affumicate che mi pappavo a cucchiaiate ed altre cose da palato fino che portavan mutande

      Elimina
    12. (ma davvero mangiavi di queste robe?)

      Elimina
  2. In quegli anni in Italia si è svolta una guerra a bassa intensità in cui gli Stati Uniti, che ci hanno conquistato alla fine della guerra, hanno cercato di contras-tare le forze marxiste.
    Direi che non solo stragi e azioni criminali come quella della Uno Bianca, ma anche altro è il frutto del colonialismo apparentemente soft da parte de Lo Stato Canaglia ed altri (si pensi alle azioni francesi contro l'italia come l'assassinio di Gheddafi)
    Si pensi ad esempio ad Ustica oppure anche solo al fatto che il meridione sia stata mantenuto in arretratezza economica e civica con l'assistenzialismo.
    L'Italia era uno dei luoghi che l'imperialismo ha dovuto controllare.
    L'alternativa sarebbe stata quella di finire nell'area soggetta all'imperialismo sovietico.
    Direi dalla padella alla brace.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti si sospetta, (adottiamo questo verbo dubitativo, fingiamo il beneficio del dubbio su queste losche trame ) un piano preciso, come da te descritto. L'attenttato a Piazza della Loggia era soltanto uno dei pezzi del puzzle. Su questo crimine hanno voluto fare qualcosa, dare un contentino che sa soltanto di beffa e presa per i fondelli; su altro, tipo Ustica, nemmeno quello. Tutto imboscato, messo a tacere.
      Forse tra duecento anni lo racconteranno come deve essere raccontato, giusto perché ormai i secoli avranno steso una coperta consistente sulle menti, sui riicordi, sulle domande e sulla rabbia.
      Occorrerebbe fare di più per impedire tutto questo. Ma si continua a subire, come accade da centinaia d'anni.
      L'Italia funziona così.

      Elimina
  3. Sono molto belle le parole della Woolf.
    E' un'altra con cui mi sarebbe piaciuto farmi una birretta. E tentare di sedurla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni citazione che appare in questo blog è stata scelta perché la sottoscritta la giudica assolutamente calzante con il proprio pensare/essere. Hai presente quando leggi qualcosa e pensi: ecco, sì, è esattamente così. E ti permetti di non usare parole tue, per una volta, ma di riportare quelle altrui che ti hanno fatto bene. Vale per il signor Eco, per il signor Camus e per la signora Woolf (anche per il signor Cartesio che ho citato nel mio profilo).
      Tornando alla Woolf, devo dire che io dipendo dalla scrittura da quando ero bambina; leggendo le sue parole mi ci sono ritrovata in tutto e per tutto. Stessa cosa dicasi per l'immaginazione e "gli zampilli di pensiero" (bellissima immagine) che arrivano in qualsiasi momento e luogo.
      L'incessante corteo di cui scrive è lo stesso a cui assisto da una vita.
      Donna affascinante, sì.
      Complessa ed affascinante.

      Elimina
  4. Sapremo qualcosa solo quando i protagonisti di questa vicenda saranno ormai morti e dimenticati. Ci sarà qualcuno che si armerà di pazienza e di una buona dose di spirito d'indagine e tirerà fuori quello che ancora oggi, a 41 anni di distanza, non si può e non si vuole dire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente. Forse fra altri quarantun'anni. Ma non so se basteranno.
      In questo paese funziona cosí.

      Elimina
  5. Tra duecento anni magari ti diranno anche come hanno fatto a buttarsi giù due torri da soli...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già. Si tratterá anche in quell caso di un ufficializzazione dei fatti, poiché credo che non sia difficile arrivarci da soli

      Elimina
    2. Un'ufficializzazione. Con l'apostrofo. :)

      Elimina
  6. Ma di quelle vicende in realtà si sa tutto. La verità politica è nota. Quella giudiziaria è secondaria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nota lo è ma non è UFFICIALMENTE E PUBBLICAMENTE raccontata per filo e per segno, senza imboscare nulla. In quanto a quella giudiziaria...secondaria un par de palle (se ni concessa la colorita espressione). Lo è per chi fa comodo tenerla in secondo, terzo e quarto piano.

      Elimina
    2. sai, è un pò come quando arrestano un nazista 88enne.....a che serve ? guarda che sulle stragi fasciste manca mica tanto sai ?

      Elimina
    3. Certo che appare ridicolo! Dici: ah, quello si farà sì e no due anni in carcere perché poi crepa, o non ci va neppure per condizioni di salute drammatiche, o perché ha la demenza senile, ecc.. Questo fa incazzare, eccome! Se i "signori della macchina burocratico-legislativa-giudiziaria" fossero persone serie (ma in Italia definire serio qualcuno che ha un minimo di potere, figuriamoci ai vertici, non è soltanto un eufemismo ma una barzelletta) i tempi sarebbero diversi ed i colpevoli emergerebbero subito o quasi.

      Elimina