.

I social network hanno dato diritto di parola a legioni di imbecilli.

Umberto Eco


Spero di non essere fra i peggiori.

Blu Malva

martedì 25 novembre 2014

Giornata internazionale contro la violenza sulle donne


Tina Modotti, Roses

Ritratto di donna (W. Szymborska)

Deve essere a scelta.
Cambiare, purché niente cambi.
È facile, impossibile, difficile, ne vale la pena.
Ha gli occhi, se occorre, ora azzurri, ora grigi,
neri, allegri, senza motivo pieni di lacrime.
Dorme con lui come la prima venuta, l'unica al mondo.

Gli darà quattro figli, nessuno, uno.
Ingenua, ma ottima consigliera.
Debole, ma sosterrà.
Non ha la testa sulle spalle, però l'avrà.
Legge Jaspers e le riviste femminili.
Non sa a che serva questa vite, e costruirà un ponte.
Giovane, come al solito giovane, sempre ancora giovane.

Tiene nelle mani un passero con l'ala spezzata,
soldi suoi per un viaggio lungo e lontano,
una mezzaluna, un impacco e un bicchierino di vodka.

Dove è che corre, non sarà stanca?
Ma no, solo un poco, molto, non importa.
O lo ama o si è intestardita.
Nel bene, nel male, e per l'amor del cielo!
.it/poesie/poesie-d-autore/poesia-10091

About Tina Modotti

About Wislawa Szymborska

5 commenti:

  1. Io sono contrario a queste ricorrenze di genere.
    Come padre separato (e come uomo con una parte femminile importante) ho dovuto superare le peggiori violenze psicologiche da parte della madre di mio figlio somminastratemi con... la sua privazione (si chiama sindrome della madre malevola).

    Le donne eccellono nella violenza psicologica, gli uomini in quella fisica.

    Detto ciò, esistono persone degne e persone indegne.
    Da questo punto degnità e indegnità sono egalitari, ugualmente distribuiti tra i due generi.

    RispondiElimina
  2. Ci sarà anche chi, educatamente, si asterrà dal picchiare una donna, oggi.

    RispondiElimina
  3. io invece sostengo che sia giusto celebrare queste giornate. e dire che l'uomo che alza le mani su una donna è una merda

    RispondiElimina
  4. Approfitto dei vostri commenti per chiarire alcune cose, riguardo il post (onde evitare ipotetici fraintendimenti):

    - Non ritengo che oggi sia una "ricorrenza", come scriveva invece Uomo: ricorrenza, stando in tema "donna", può essere l'8 marzo (e dio me ne scampi dal scrivere post in una giornata trasformata in tutto tranne che ciò per cui è nata); questa è una data simbolica per ricordare qualcosa che non dovrebbe esistere e che invece non dà segni di estinzione, purtroppo.
    - Non sono femminista, mai lo sono stata e mai lo sarò. Sono semplicemente una donna con propri pensieri e propri credo. Va da sé che questo post non desidera reclamare plausi, né scadere nell'ovvietà purtroppo molto, troppo diffusa, dei luoghi comuni e delle frasi fatte secondo cui gli uomini sono tutti ugualli, le donne sono sempre vittime.
    - Di conseguenza, NON tutti gli uomini sono violenti, NON tutte le donne sono angeli. Vi sono esemplari "malati" in entrambi i sessi, così come vi sono esemplari sani. La cattiveria e la violenza (fisica o psicologica, in questo caso non cambia) non hanno sesso, come non hanno sesso la sensibilità ed il rispetto.

    Chiarite queste cose, vi ringrazio per il vostro contributo. E' sempre un piacere ospitarvi. : )

    RispondiElimina