.

I social network hanno dato diritto di parola a legioni di imbecilli.

Umberto Eco


Spero di non essere fra i peggiori.

Blu Malva

venerdì 31 ottobre 2014

Gli pseudo illuminati


Dal virtual taccuino:

Lo pseudo illuminato varca il confine della discrezione arrivando al campo della tracotanza, ove attinge orpelli con cui agghindare il proprio dire. Nell' egocentrico incedere sfoggia un passo insolente, convinto di essere una sorta di eletto a cui è stato fatto dono di ingegno fuori dal comune. La presenza di sudditi alla sua corte è il risultato di un corretto dosaggio di ingredienti: abilità nel proporsi, scaltrezza ed un pizzico di fortuna. L'affabulazione è contemplata dal soggetto in questione seppur non necessariamente presente.
Il rischio in cui può incappare lo pseudo illuminato è che l'iniziale entusiasmo di fronte alla sua dialettica forbita e disinvolta ed alla sua cultura superiore (e/o alla sua arte affabulatoria), possa cedere il posto al disincanto da parte dell'osservatore/ascoltatore/lettore, il quale, pur riconoscendo le doti indubbie di una mente fine, realizza che l'unica cosa a poter essere attinta dall'individuo in questione è il suo ego smisurato e monocorde.
Così, quella che pareva l'impronta di un dio, si riduce ad una comunissima impronta di mortale, abile nel nascondere sotto un fine broccato la sua mediocrità.




11 commenti:

  1. Lestofante.
    Che meraviglia.
    Adoro i termini obsoleti, in disuso.
    Sanno di buono.

    RispondiElimina
  2. Ma quanto mi divertono certi soggetti.
    Esilaranti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me fanno girare i cosidetti. Soltanto dopo riesco a sogghignare.

      Elimina
  3. Posso d irlo?
    Trovo che negli ultimi due post manchi il tepore delle parole, la tensione narrativa della "voce" che percepivo sia che stessi parlando di fisica che del colore rosso (pompeiano) o dell'inondazione della tua citta'.
    ml

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi esprimere ogni tuo pensiero, ci mancherebbe.

      Credo che dipenda dal modo in cui si legge uno scritto; da ciò che ci si aspetta da un autore. Io sono (ahimé) un essere eclettico, mutevole nei miei umori e nei miei gesti: la stessa mutevolezza può trasparire da come scrivo.

      Elimina
  4. sono d'accordo, il lettore fa la sua parte, ha la sua sensibilità e le sue preferenze.
    :-)
    ml

    RispondiElimina
  5. Ancora vicissitudini tra seduzione e fascinazione.
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti riferisci agli pseudo illuminati? :D

      Elimina
  6. Azz, mi hai sgamato :-)
    G.E.V

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma tu non sei un illuminista?
      La desinenza dovrebbe fare la differenza. : )

      Elimina