.

I social network hanno dato diritto di parola a legioni di imbecilli.

Umberto Eco


Spero di non essere fra i peggiori.

Blu Malva

giovedì 9 ottobre 2014

Come abiti leggeri


Rifuggo dalle immagini banali come dalle code di persone, in fila con lo stesso obiettivo. I veri viaggi sono sempre in solitaria ed io li prediligo. E' nei luoghi segreti che sono chi sono, senza ombre, veli, parole di contorno. E' nelle cicatrici che serbo come cimeli, nelle bruciature di luce al di là della logica. I miei pensieri sono, in fondo, come abiti leggeri: entrambi coprono l'essenza ma esaltano le forme. Entrambi sono sporchi e puri al tatto, santi e malfattori, ubriachi e savi. Io sono una terra di contrasti e di opposti. Raramente vedo vie di mezzo e nei compromessi respiro a fatica: a tal proposito costruisco, quotidianamente, il mio polmone d'acciaio.


6 commenti:

  1. La massimizzazione della quantità di umani mi lascia sempre più perplesso.
    Una volta un delinquente noto ciellino e forzitagliota, capetto della compagnia delle opere, rispose, indirettamente, ad un editoriale di Giovanni Sartori, che è risibile il problema delle code, è risibile il problema del traffico,, etc. .
    Per questi apologeti natalisti della zootecnia umana intensiva tutto è risibile a parte la "loro" crescita.
    Forse perché sono terrorizzati neppure dalla solitudine, anche dalla sola non-costipazionepermanente.
    Si troverebbero piccoli, mediocri, scadenti, ad affrontare la Vita, la terra di contrasti ed opposti. Stupide pecore che possono neppure pensare che si possa vivere fuori dal gregge.

    Grande Lisa!
    :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Uomo,
      come ho scritto in un blog, a commento di un post, tutto questo ha un prezzo alto. Qua dentro lo si paga con una sorta di isolamento, di sparizioni improvvise, come si dice?...ah sì, poca audience. : ) Siccome sopravvivo a questo "dramma" ed anzi, se avessi troppa luce addosso mi sentirei a disagio realmente, va bene così. Proseguo per la mia via.
      E sono puntuale nei pagamenti, sia chiaro : )

      Elimina
  2. Riallacciandomi alla chiusa del post precedente (l'mabito sbagliato) dico che gli abiti che indossi(i pensieri) non mi sembrano affatto sbagliati.
    ml

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah.. io, invece, ho sempre questa impressione. Sbagliati non per me, intendo, io li scelgo e continuo ad essere convinta della mia scelta. Sbagliati per il contesto in cui mi trovo, che sia una blogosfera o un mercato del sabato mattina; una serata mondana o un ipermercato.
      Amen.

      Elimina
  3. hai cancellato la foto d'accompagnamento al brano. peccato, era emblematico quel vestitino, semitrasparente e macchiato.
    ml

    RispondiElimina