.

I social network hanno dato diritto di parola a legioni di imbecilli.

Umberto Eco


Spero di non essere fra i peggiori.

Blu Malva

lunedì 22 settembre 2014

Di segreti o silenzi

Lilian Bassman


Tra piaceri segreti e lacrime segrete,
questa mutevole vita mi è sfuggita
*



Cara Emily,

esistono verità taciute: oscuramenti, sipari abbassati, teli stesi su mobilia che perde immediatamente i contorni  per assumere forme indefinite, vaghe. Esistono i silenzi, creati per differenti motivi; silenzi che diventano sacri, inviolabili, in onore dei quali si erigono templi e si sparge incenso.
Vesto un abito bianco, ora. Un giglio.
Circondo il mio silenzio di petali, diffondo il profumo.
Il dentro è carne, è impasto d'acqua e terra, è falò nel deserto e canti berberi, è spezia che avvolge la lingua, è intreccio di membra, lama insanguinata che taglia l'aria irrespirabile, è fuga e ritorno sul luogo del delitto, è illogicità, istinto ed urlo.







* (Emily Brontë, da Io sono l'unica il cui destino)

4 commenti:

  1. le ultime quattro righe, per musicalità e intensità,sono cosa a sè. Alta.
    ml

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' come se le ultime quattro righe si discostassero, pur mantenendo il filo che le collega al resto, vero?
      Non è un caso.
      Rappresentano "il segreto" o "il taciuto". Ciò che anima un essere ma non si vede in modo immediato. Lo si scopre, al limite.
      I segreti hanno una tensione tutta loro. Sono abituati a vivere in un mondo staccato dal resto, eppure dipendente da esso.

      Grazie, Massimo.

      Elimina
  2. che poi noi che siamo silenziosi ed elusivi, improvvisamente ci riveliamo come obbligati da una forza interiore e spargiamo i segreti tra le righe come semi tra i solchi.
    :-)
    ml

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo.
      La scrittura pare sia la nostra semina.
      Un gesto inevitabile, impellente.
      : )

      Elimina