.

I social network hanno dato diritto di parola a legioni di imbecilli.

Umberto Eco


Spero di non essere fra i peggiori.

Blu Malva

domenica 24 agosto 2014

La bellezza ed il linguaggio delle cose mute

Mikael Kennedy

Mikael Kennedy

...

Derrière les ennuis et les vastes chagrins
Qui chargent de leur poids l'existence brumeuse,
Heureux celui qui peut d'une aile vigoureuse
S'élancer vers les champs lumineux et sereins;

Celui dont les pensers, comme des alouettes,
Vers les cieux le matin prennent un libre essor,
- Qui plane sur la vie, et comprend sans effort
Le langage des fleurs et des choses muettes!


(Charles Baudelaire , Elévation)

Le fotografie catturano solo un istante di un tutto. Ed il tutto in un istante.
E' attorno a quell'istante che ruota un universo, storie, emozioni. Io la chiamo semplicemente bellezza. La fotografia parla di bellezza, immortalandone un semplice movimento, un respiro, un battito di ciglia. Lo svolgersi di tale bellezza si muove attorno e dentro l'istante, che non resta mai fermo, mai, poiché la fotografia non è staticità: chi la interpreta in questo modo non sarà mai in grado di apprezzarla e comprenderla.
La fotografia parla e mostra in continuazione.
Con il termine bellezza intendo qualcosa che va oltre la fisicità,  che non si attiene ai classici canoni estetici, alla morfologia della parola stessa, al significato comune ed universalmente accettato. Del resto, ho sempre fatto fatica ad attenermi all'universalmente accettato, cercando spiegazioni oltre la superficie, il dogma, la facciata, il sigillo.
Oltre la porta.
Da piccola dotavo di anima gli oggetti, li mettevo in cerchio, attorno a me, e vi parlavo a lungo. Crescendo ho affinato il mio udito ed ho iniziato ad ascoltare il linguaggio delle cose mute, ottenendo tanto e pagando tanto: allo spettacolo in vetta non si arriva senza sanguinare.
Alla luce di tutto questo mi sento sicura nell'affermare: in certe fotografie vedo tutto ciò che non saprei mai tradurre, nel modo adeguato, attraverso le parole.

La bellezza.


A chi fosse interessato: Elevazione, poesia completa e tradotta
More about Mikael Kennedy

4 commenti:

  1. Bello, dal titolo alle immagini e fino all'ultima parola del testo. E condivido le tue affermazioni, anche se a me piu che foto vengono in mente i silenzi differenti di charlot e di mcronney.
    massimolegnani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Massimo. (vi sono silenzi al cospetto dei quali ogni suono perde il significato d'esistere :) .. )

      Elimina
  2. scusa, mcrooney non mcronney
    :-)
    ml

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non preoccuparti. Di "errata corrige" ne è pieno il mondo, nel quale mi ci includo, naturalmente. : )

      Elimina